buzzoole code

Nasce il Movimento Etico Digitale anche a Bologna

“We have a dream”: due ore a settimana in tutte le scuole per parlare di Educazione Civico Digitale.
Con questo incipit la scorsa settimana ci siamo presentati.
Ma chi siamo e cosa vogliamo fare ed anche NON fare?
Siamo un team composto da una trentina di giovani professionisti e appassionati della tastiera di tutta Italia,  che grazie ad un ideatore giovane e competente (Davide Dal Maso)  si è unito attorno a un obiettivo: quello di diffondere consapevolezza tra giovani e adulti, studenti e insegnanti, figli e genitori, del valore e della necessità di un’educazione civica digitale.

Reale e digitale

Pensare che la vita reale sia il social e pensare che il social sia cosa diversa dalla vita reale.
Ecco uno dei primi nodi da comprendere e far comprendere.
Il nostro atteggiamento sui social non può e non deve essere diverso da quello che abbiamo nella nostra vita solo perchè è mediato da una tastiera.
Le ripercussioni di ciò che diciamo o che facciamo online si riverberano sulla vita di tutti i giorni. Ma è anche vero che corriamo il rischio di costruirci opinioni a seconda di come la nostra newsfeed di un social viene composta minuto dopo minuto.

Orientare per comprendere

L’approccio dei colleghi del Movimento, che ho sposato e che condivido, è quello di non demonizzare. Non si vuole fare terrorismo, incutere terrore.
E’ piuttosto necessario fare educazione. Comprendere.
La consapevolezza di ciascuno di noi è la parola chiave.

La scuola

La scuola è l’agenzia educativa alla portata dei ragazzi e che i ragazzi vivono comunitariamente tanti giorni all’anno e per tante ore.
Ecco perchè vorremmo che fosse la scuola il nostro punto di partenza.
Per parlare con i ragazzi, con gli insegnanti, gli educatori e le famiglie.
E’ necessario costruire insieme, capire insieme, conoscere insieme, condividere insieme.
Per questo l’obiettivo ambizioso è quello di creare momenti curricolari di educazione digitale e non solo legati a sensibilità di alcuni dirigenti o insegnanti.

Conoscere

La conoscenza è alla base. La non conoscenza produce molto spesso il pregiudizio, la paura.
La responsabilità è in capo al mondo adulto, che sta consegnando tutto ciò alle generazioni successive e se manca in seno al mondo dei “grandi” una conoscenza di quelle che sono potenzialità del web e come evitare i rischi, come possiamo pretendere che i nostri figli imparino visto che hanno in mano un potenziale enorme senza un libretto di istruzioni?

Ecco, questa è la vision mia e di tanti professionisti che si sono uniti e messi a disposizione per creare cultura digitale diffusa.

 

Se sei interessato/a al progetto contattami

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus