buzzoole code

Ottimizzazione testi

Vuoi intercettare con il tuo articolo una domanda che il consumatore esprime attraverso una “query” (domanda) sui motori di ricerca?

Allora … fatti trovare!

Ti darò alcune pratiche indicazioni per partire con il piede giusto, senza alcuna pretesa di completezza.

Il luogo comune sulla ottimizzazione testi

Sfatiamo un luogo comune.

Non è dalla quantità di ripetizioni delle parole chiave che si ottengono risultati.

Mi perdoneranno gli addetti ai lavori, non vorrei banalizzare le cose, ma aiutare solamente chi volesse iniziare un percorso e provare a scrivere un articolo che si avvicini ad essere ottimizzato dai motori di ricerca.

Una volta scelta la parola chiave su cui posizionare il post (percorso che richiede una ricerca ed una specifica analisi, che ti racconterò  prossimamente), è bene considerare questi aspetti: titolo, url, description, corpo del testo, immagini, audio/video, link.

TITOLO

Scegliere un titolo attinente e che contenga la keyword prescelta e che sia in H1 è una regola che in tanti danno.

Io la utilizzo, ma è bene sapere che Google da tempo riconosce il significato semantico delle parole e dà valore anche ai sinonimi, non solo alla mera parola chiave scelta.

Non abbiamo a che fare con una macchina “stupida” ma con un mezzo potente e mai sazio, che si muove assecondando le preferenze degli utenti, dei lettori, di chi naviga.

URL

Personalizzare l’url con la keyword è sicuramente un fattore importante.

DESCRIPTION

La description sono quelle righe di testo che il motore di ricerca legge e che può avere senso che contengano la parola chiave, in modo tale che sia chiaro all’utente che si tratta di un contenuto attinente alla sua domanda.

(Fonte: norlandigital.com)

BODY (CORPO DEL TESTO)

Quello che fa la vera differenza è …. il CONTENUTO.

Il contenuto deve essere pertinente, autorevole, utile.

Senza queste condizioni non concluderai nulla e non otterrai risultati.

Si tratta di dare la migliore risposta che puoi offrire ad una persona che cerca quel determinato tipo di cose, che ha bisogno di risolvere quel problema, di avere risposte in merito a quella esigenza…

Quindi non è fondamentale ripetere la parola chiave X (ics) volte.

E’ fondamentale, piuttosto. garantire qualità del testo, facilità di lettura, senso compiuto dei periodi.

E’ bene facilitare al lettore la visualizzazione e la lettura stessa, quindi usiamo paragrafi brevi, inseriamo immagini, video, audio, formattiamo il testo utilizzando sottotitoli (in H2 se vuoi ed è coerente anche utilizzando la keyword), corsivi, citazioni, grassetti, elenchi…

E’ inutile “giustificare il testo” perchè Google non ne conosce il significato.

La lunghezza del testo è un parametro discusso.

NON ESISTONO REGOLE ASSOLUTE: alcuni tool ci dicono di pubblicare non meno di 300 parole… ma tutto è relativo.

Il consiglio è quello di fare contenuti pertinenti e di qualità.

Abbiamo l’obbligo di scrivere a favore degli utenti e non di Google. 

Non si tratta di applicare dei trucchi, ma di rendere ottima l’esperienza di chi leggerà il contenuto.

IMMAGINI

Le immagini dovranno essere libere da copyright, di buona qualità, la loro “pesantezza” dovrà essere ottimizzata. La lentezza di caricamento è un elemento fortemente penalizzante.

Una immagine magari potrà avere il titolo corrispondente alla keyword e l’alt tag descrittivo con la parola chiave.

VIDEO, AUDIO

I video, se attinenti, sono molto apprezzati e aiutano il lettore e quindi anche il motore di ricerca li predilige.

Si possono incorporare anche video non propri, ma che ad esempio approfondiscano un tema o confutino una tesi.

Se hai un podcast puoi fare la stessa cosa.

LINK INTERNI E IN USCITA

Elementi molto importanti sono i link che rimandano magari ad argomenti del nostro blog già affrontati e approfondimenti a siti terzi (autorevoli e attinenti).

Non dimentichiamoci che Google valuta la qualità dei nostri componimenti, pertanto curiamo il nostro lavoro e assicuriamoci di aver rispettato il nostro potenziale lettore con un argomento di valore.

Ti piacerebbe essere linkato da un leader del tuo settore?

Significherebbe acquisire autorevolezza anche nei confronti di chi ti legge, per questo è necessaria la qualità, l’unicità che viene premiata davvero a 360 gradi.

AGGIORNA I CONTENUTI PERIODICAMENTE

Pensa al contenuto che hai pubblicato come un qualcosa che è sempre migliorabile.

Ottimizzazione dei testi significa prendersi cura dei lettori e tornare su un contenuto per migliorarlo, aggiornarlo, modificarlo, anche stravolgerlo se necessario.

Non si tratta di assecondare le mode, i trend, gli algoritmi, ma aggiungere valore per gli utenti.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Aiuto Terzo Settore, imprese e professionisti a comunicare grazie ad un metodo che si basa sulla "reputazione digitale"

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInYouTube