buzzoole code

Sono trenta i milioni di utenti che ogni mese in Italia sono attivi su Facebook.
E’ un dato che nessuno di noi ha la possibilità di sottovalutare per motivi diversi.
Praticamente la totalità della popolazione che usa Internet oggi ha un account sul social network più famoso nel Bel Paese.
Sono numeri che ha dato Luca Colombo, country manager di Facebook per l’Italia, in una interessantissima intervista rilasciata a Il Sole 24 Ore.

Che prosegue fornendo ancora dati.
A livello generale il 10% degli investimenti pubblicitari sul web vanno su mobile e la percentuale è in salita”.

Basta tutto questo per convincere ancora qualche indeciso?

Non si tratta di sposare per forza una metodologia che magari non appassiona, ma rendersi conto di ciò e iniziare a prendere i provvedimenti di conseguenza, significa restare sul mercato.

Vorrei mostrarvi anche un grafico che mostra la decrescita dei non utilizzatori di Internet e la crescita di accesso (connessione) in casa.
(Fonte: Istat)

Che fare dunque?

Se non avete pianificato una vostra presenza online è bene iniziare a farlo. Potrebbe essere utile verificare efficacia ed utilizzo del sito web aziendale ove esista e in sua assenza iniziare a progettarlo.
Poi si può pensare ad una strategia social per amplificare la visibilità del sito web aziendale, fidelizzare clienti ma soprattutto trovarne di nuovi.

Nel mondo 70 milioni di aziende hanno pagina Facebook, 5 milioni di aziende fanno pubblicità su Facebook. Ristoranti, piccole attività: le richieste sono sempre di più.”
Così conclude l’intervista Colombo. Lasciandoci in dote un altro dato alquanto interessante e che può essere per noi spunto di riflessione.

Che vantaggi può darmi una pagina Facebook?

Lo ho scritto anche qui sopra. Ma una pagina fondamentalmente aiuta la propagazione e il posizionamento del brand se gestita e non lasciata al caso o all’improvvisazione estemporanea.
Ma su questo tema bisognerebbe aprire una lunga parentesi, che mi riservo di fare nei prossimi post.

Pensiamo a cosa posso perdermi non sfruttando il mercato online.

Beh diciamo trenta milioni di opportunità potenziali, di cui ventotto milioni di utenti in mobilità.

Se vuoi una consulenza, contattami!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus