buzzoole code
Comunicare fa perdere tempo

Comunicare fa perdere tempo

“Sono un imprenditore, non un comunicatore”
“Per fare tutto quel marketing ci vuole tempo e non ne ho”
“Faccio un altro mestiere”
“Ho perso tutta la giornata a fare dei post per i social network”

Alzi la mano chi non ha mai detto (o almeno pensato) tutto questo.

Io ogni tanto cado in tentazione.
Penso di aver trascorso troppe ore sulla mia comunicazione rispetto a fare altro.

In effetti per fare content marketing, ad esempio, il tempo da impiegare non è poco.

Ma ragionando a freddo capisco che tutti gli sforzi non sono vani, se rientrano in un progetto complessivo.

Pensare ad un contenuto, realizzarlo e diffonderlo sono azioni specifiche che non si riescono a comprimere in pochi secondi/minuti.

Tutto dipende da alcuni fattori: organizzazione, priorità, abitudine, attitudine e dall’allenamento.

Organizzazione

La vera perdita di tempo è la disorganizzazione e la non individuazione di priorità.

Quindi dobbiamo essere lucidi e capire come distribuire le ore della giornata, capendo ciò che è necessario ed urgente fare, ciò che possiamo delegare, ciò che possiamo rimandare e ciò che è importante ma che ha una più lunga scadenza.

E’ possibile utilizzare vari metodi: io uso quello dei quadranti (la matrice di Stephen Covey), di cui mi hanno parlato in alcuni corsi.

Se non lo facciamo saremo sempre affogati.
Dobbiamo costruirci un metodo di lavoro ed attenerci a quello: programmare le attività nostre e degli altri (magari il giorno precedente?) ed arrivare pronti ad affrontare la giornata avendo davanti una lista di cose da fare realistica.

Priorità

Il cliente rompiscatole è una priorità?
O lo è un’effettiva scadenza relativa ad altri?

Anche questo aspetto è determinante: riuscire a riconoscere le vere priorità non è affatto semplice.

Ciò che è importante è raramente urgente e ciò che è urgente è raramente importante. (Eisenhower)

Domandati se per te la comunicazione ed il marketing di te stesso (professionista/associazione/azienda) sono importanti o no.
Forse no, altrimenti avresti un approccio diverso.

Oggi hai utenti/clienti? Bene. Sono contentissimo per te.
Ma ne vuoi anche domani?

Io sì.

Il futuro ce lo costruiamo inevitabilmente con quello che facciamo oggi: lavorando bene con i clienti attuali, ma anche coltivando il terreno della nostra reputazione e della nostra comunicazione.

Se all’improvviso restassimo senza lavoro perché, ad esempio, a scadenza contrattuale la nostra consulenza non venisse rinnovata?

Cercheremmo di correre ai ripari, arrabattandoci in azioni magari corrette ma con una “fretta del diavolo” che non ci porterebbe comunque dei risultati immediati.

Mi pare di avertelo già detto: i risultati del cosiddetto “inbound marketing” si vedono nel lungo periodo.

Oppure se sei convinto che basti bussare alla porta di potenziali clienti per farsi aprire fai pure…

Ricapitolando questo aspetto, quindi, il concetto rimane il medesimo: se crediamo che la comunicazione sia importante dobbiamo ritagliare spazi e tempi adeguati nella nostra giornata/settimana.

Per me rimane una priorità assoluta comunicare chi sono, cosa faccio e come posso eventualmente essere utile.

Abitudine e attitudine

Credimi. Tenendosi in esercizio, ciò che prima si costruiva in tante ore, dopo un po’ lo si fa in meno tempo.

Forse ti starai chiedendo il perché io ti stia spingendo verso “la comunicazione fai da te”, piuttosto che dirti che ci sono professionisti come me che possono aiutarti a fare tutto.

Non te lo dico perché non è così.

I professionisti come posso essere io, molto probabilmente ti servono, ma non per “sbolognare” loro l’incombenza comunicazione e marketing.

Il lavoro è di squadra.

Ciascuno per le sue competenze.

Se sei un professionista ragioni da solo, se dirigi un’associazione hai probabilmente persone che come te (spesso in modo volontario) spendono il tempo per la causa e potreste ad esempio suddividervi un po’ di competenze.
Se sei un imprenditore hai varie strade a seconda che tu abbia o no un reparto marketing e comunicazione.

Io ad esempio cosa faccio?

Mi siedo al tuo fianco, ti aiuto a focalizzarti, cerco di far emergere punti di forza, debolezza e costruiamo insieme un piano, una strategia con l’obiettivo di comunicare attraverso la tua reputazione, grazie ad un metodo che si basa sui contenuti.

E’ proprio su questi contenuti che tu diventi indispensabile.
Perché sono il tuo pane e quello di chiunque lavori con te.

Non posso metterci io la faccia per te, c’è bisogno che tu ti metta in gioco, con il mio aiuto e supporto, certamente.

 

Se credi che comunicare ti faccia solo perdere tempo, rivedi le tue priorità e fatti la domanda di come farai a lavorare anche domani se non costruisci basi solide oggi.

Se vuoi approfondire tutti questi aspetti, ascolta il mio podcast: ogni settimana parlo di un tema relativo al mondo della comunicazione digitale!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Aiuto Terzo Settore, imprese e professionisti a comunicare grazie ad un metodo che si basa sulla "reputazione digitale"

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInYouTube

I vantaggi del content marketing

I vantaggi del content marketing

Content Marketing

Il marketing dei contenuti è un’ottima strategia che ti suggerisco di iniziare a prendere in considerazione se vuoi davvero comunicare attraverso gli strumenti del digitale.

I perché io l’ho scelta li ho spiegati in alcuni post di approfondimento, come ad esempio qui e qui.

In questo articolo, invece, ti parlo dei vantaggi del content marketing, per te associazione, azienda o professionista.

Cerco di spiegarti perché potresti e dovresti anche tu affidarti al marketing dei contenuti, che è un qualcosa che ben si distingue dal marketing della cosiddetta speranza.

Si tratta, quindi, di comunicare in modo efficace e di far sì che siano le persone a trovarci, a cercarci ed a mantenere i contatti con noi.

Cosa ben diversa da quanto siamo abituati a sentire.

Ho individuato 5 vantaggi specifici del content marketing e te li riassumo qui sotto.

Indicazioni per l’uso: tutto questo non fa per te se non sei pronto/a a metterti in gioco e se sei convinto/a che sia tutto fumo quel che ti sto dicendo.
Ultima nota: tutto ciò che ti dirò vale per il mondo offline come per quello online.

1) Una buona reputazione

Il content marketing è la migliore strategia per posizionarci al meglio nella testa e nel cuore dei nostri interlocutori, indipendentemente da chi essi siano.
Creare buoni contenuti e metterli a disposizione fa sì che chi ne sarà attirato e chi ne diventerà “consumatore” percepisca il nostro valore e si farà una buona opinione di noi.

Inizierà a conoscerci incasellandoci tra le persone “positive”.
Questo vale anche per i già nostri utenti/clienti o per i nostri amici/colleghi.
Inizieranno a capire che “facciamo sul serio” e magari scopriranno dote nascoste che non ci attribuivano in precedenza.

Godere di una buona reputazione è fondamentale per ispirare fiducia, fare avvicinare le persone ed iniziare ad instaurare rapporti sani e corretti.

2) Un legame più forte con gli utenti e con i clienti

Non so se ti sia mai capitato di ascoltare con assiduità un podcast o di seguire una persona che pubblica costantemente dei video, ad esempio.
Non ti sembra di conoscerlo/a anche se non lo hai mai visto prima?
Non ti verrebbe di “dargli del tu” una volta che lo dovessi vedere dal vivo?
Capita anche con gli artisti del cinema o del settore musicale: li seguiamo e ci sembra di conoscerli da tempo.
Con il content marketing magari non diventi una “rockstar” ma inizi a “fidelizzare” persone: potenziali clienti/soci o già clienti/soci ad esempio. Anche a distanza.

Generando contenuti e distribuendoli nel modo corretto farai sì che siano i tuoi interlocutori a sceglierti dopo averti conosciuto, attraverso tutto quello che di utile gli/le avrai donato.

E’ un grande antidoto contro le persone/clienti/utenti/soci “velenosi” e “negativi”, che guardano solo agli zeri della tua offerta e che credono di poterti “comandare a bacchetta” solo per il fatto di “pagarti”.

Instauri un legame che discende dai tuoi contenuti, con cui mostri professionalità, conoscenza e con cui dai delle risposte ad interrogativi che le persone spesso sarebbero disposte a pagare.

Fai attenzione però, non ti sto dicendo che tutto deve essere gratis e che la vendita sia vietata, ma che in un percorso corretto ci devono essere entrambe le cose: sta a te scegliere la ta strategia e di scrivere le regole come meglio credi.

Un esempio per farmi comprendere meglio: supponiamo tu sia un grande estimatore del dottor Tito Bordino (ortodonzista di Torino).
Lo segui, ascolti, guardi i suoi video, leggi i suoi contenuti … e dopo un po’ di tempo ti accorgi che avresti bisogno della sua professionalità per risolvere un tuo problema.
Ti approcci a lui come faresti con qualsiasi altro ortodontista trovato tramite una ricerca su Google?
Oppure inconsciamente assumi un tono diverso?
Gli chiedi “la qualunque” o seguendolo sai già cosa può aiutarti a fare e cosa no?

Il content marketing ti aiuta a comunicare, ad abbattere le barriere, a fortificare la tua immagine, la tua professionalità ed allontana i “perditempo”.

Inoltre il contenuto non è (percepito) come una pubblicità che spesso è fastidiosa, invasiva e su cui magari abbiamo preconcetti.
Ti presenti facendo parlare per te delle risposte a dei bisogni concreti.
Non ti pare che sia più sostenibile e maggiormente funzionale?

3) Presidio di un mezzo/strumento

Che tu crei una rivista, una newsletter, un podcast, una serie di video, un blog … presidi un mezzo e cerchi tramite quello di posizionarti affinché chi avesse bisogno di te ti trovi.

I casi sono molteplici, le forme dei contenuti e i mezzi di distribuzione tantissimi e variano a seconda di chi sei tu, del tuo progetto, dei tuoi interlocutori….

Ma mettiamo ad esempio che tu scelga di aprire un blog.

Facendolo andresti ad aiutare i motori di ricerca a farti trovare dagli utenti, il tuo contenuto (se utile e ben costruito) infatti inizierebbe ad essere “macinato” dall’algoritmo di Google ad esempio e ad essere mostrato.

Magari hai un sito vetrina, istituzionale.

Ma aggiungendo dei contenuti periodici, utili e di valore, aiuteresti il tuo sito a crescere di visitatori e inizieresti a far sì che questi visitatori poi potenzialmente si possano trasformare in qualcosa di più.

Il mio consiglio è di fare quello che è più utile per i tuoi utenti/clienti/soci nel modo più fruibile a loro, sulla base del tuo essere, del tuo posizionamento e del tuo budget.

Ma una cosa che vale per tutti te la dico: lavora con alla base una tua “proprietà”, una “tua casa” dove puoi fare tu le regole e dove non sei costretto/a a scendere a compromessi con algoritmi o con le mode del momento, oltre che legarti solo ad aziende fortissime ma che se un domani cambiassero idea ti vedrebbero perdere tutto ciò che hai fatto.
Banalmente … un sito è tuo, Facebook no.
Questo non vuol dire escludere tutto ciò che non è nostro, ma inglobare nella nostra strategia qualcosa di nostro da cui partire e a cui appoggiarci sempre.

4) Dura nel tempo

Una puntata del podcast vale anche mesi dopo che tu l’hai pubblicata.
A meno che tu non parli di un qualcosa di assolutamente “obsolescente” (penso ad esempio ad un articolo su un modello di smartphone, che dopo poco potrebbe essere già vecchio), il contenuto lavora per te nel tempo ed anche (e soprattutto) nella lunga distanza.

Se apri un blog oggi, vedrai i primi risultati tra alcuni mesi.

Il “tempo” è una variabile importante e molto potente, che spesso tifa per noi.

Uno spot radiofonico vale fino a scadenza contrattuale, un cartellone pubblicitario pure.

Il tuo miglior articolo sul tuo blog è potenzialmente “immortale”.

Potresti scoprire due anni dopo averlo scritto che qualcuno ti ha trovato tramite quello e poi ha approfondito al tua conoscenza (a tua insaputa).

Quindi facciamo attenzione a quello che pubblichiamo, trattiamo con cura i contenuti, riprendiamoli ed aggiorniamoli se serve, consideriamoli immortali (potenzialmente).

Una postilla: questo non ci deve distogliere dalla convinzione che la produzione di contenuti debba essere continua e costante nel tempo e che non basta lavorarci sei mesi e poi sospendere.

Viene premiata la continuità, sempre.

5) Investimento accettabile

Parliamo delle nostre tasche.
Quanto ci costa produrre un contenuto e distribuirlo?
Attenzione perchè le variabili in gioco sono tantissime.

Non credere che puoi delegare il content marketing in toto a consulenti come me o a web agency.
Sei tu il protagonista ed il detentore dei contenuti, se hai un team sei fortunato perchè siete in tanti con diverse competenze e specificità ad essere coloro che creano valore.

Le persone vogliono vedere il tuo volto, quello di chi sta con te, non il tuo marchio.

Consulenti come me ti aiutano certo, si siedono a tavolino, studiano con te la strategia e possono coordinare il lavoro di produzione dei contenuti e poi di pubblicazione.

Ma non possono sostituirti a te.

Quindi il primo investimento è in tempo da dedicare: devi necessariamente ritagliarti un po’ di tempo per i contenuti ed eventualmente farlo ritagliare anche ad altri.

Creare e distribuire contenuti oggi non è un problema: i costi non sono elevatissimi.

Non servono infrastrutture tecniche particolari. Certo piccoli investimenti vanno compiuti, ma si tratta di qualcosa che è alla portata.

Non hai delle vere e proprie spese: sono investimenti e non a fondo perduto.

Ne trarrai solo benefici. Non subito, non ci sono trucchi e miracoli.

 

Ma avrai investito tempo e denaro per crescere e per far crescere ciò in cui credi e ciò a cui stai dedicando la vita (o quasi).

 

Se vuoi approfondire tutti questi aspetti, ascolta il mio podcast: ogni settimana parlo di un tema relativo al mondo della comunicazione digitale!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Aiuto Terzo Settore, imprese e professionisti a comunicare grazie ad un metodo che si basa sulla "reputazione digitale"

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInYouTube

Strumenti per misurare la reputazione online

Strumenti per misurare la reputazione online

Ti ho già parlato di reputazione online e di quanto sia importante mantenerla buona sia a livello personale, che professionale.

Un’analisi della popolarità tua o del tuo prodotto/servizio o di quello dei tuoi competitor è assolutamente consigliata quando pensi di sviluppare un progetto di comunicazione.

Perché misurare la reputazione online?

Analizzare cosa si dice su di te, sulla tua associazione, azienda, impresa, brand e/o su quello che fai o vendi (prodotto, servizio, bene…) diventa determinante per:

  • capire come sei posizionato/a sul web
  • verificare di essere correttamente posizionato/a nella mente dei tuoi interlocutori (persona in target)
  • analizzare le attività, il linguaggio e le propensione dei tuoi utenti target visionando le loro recensioni, i loro post e/o commenti sulle pagine dei tuoi competitor
  • trovare spunti di “content marketing”: quali domande fanno gli utenti? Da quelle posso capire e verificare le esigenze e trasformarle in contenuti per il mio sito, podcast, blog , post sui social…..
  • trovare idee per lanciare un prodotto/servizio che possa incontrare “la domanda” degli utenti

Insomma le opportunità sono davvero tante e di un certo rilievo.

Tool per misurare la reputazione online

Ecco alcuni strumenti che possiamo utilizzare per fare questo lavoro di monitoraggio.

Google Alert
Google Alert consente di avere notifiche automatiche non appena vengono rilevati nuovi contenuti sulle parole chiave specificate, recuperando dati da pagine web, blog, ricerche o articoli all’interno della rete di Google.
E’ possibile Configurare Google Alert per ricevere automaticamente queste notifiche e capire cosa si dice di noi.

Mention
Si tratta di uno strumento capace di raccogliere in un’unica schermata tutti gli aggiornamenti apparsi online (menzioni, conversazioni, commenti) che citano una determinata “keyword”.

Reputology
Reputology offre un servizio (a pagamento) di monitoraggio della reputazione online del brand ad esempio inviando prontamente un alert via email per i commenti negativi….

TalkWalker
Strumento di monitoraggio della reputazione online (anche questo a pagamento), ti aiuta a trovare messaggi, articoli e tweet generati in diverse piattaforme social e siti web che stanno promuovendo discussioni relative al tuo brand.

Brand Watch
Puoi avere accesso alle conversazioni generate dagli utenti. puoi rimanere sempre aggiornato su chi dice cosa sul tuo brand.

Oraquo Analytics
Per misurare e quantificare il valore delle interazioni, delle conversazioni sui social network.

ReviewTrackers
Uno strumento per controllare le testimonianze dei clienti e misurare l’esperienza del cliente e il tuo servizio di assistenza.

Fan Page Karma
E’ uno strumento di “social media monitoring” che nella parte gratuita è specifico per Facebook. Si possono estrapolare i dati: post che hanno avuto maggiore successo, gli hashtag più utilizzati, quando è meglio postare, chi sono i principali influencer, come si muovono i competitor….

“Un buon nome, come la buona volontà, si ottiene con molte azioni e si perde con una.”
Lord Francis Jeffrey

Se vuoi approfondire tutti questi aspetti, ascolta il mio podcast su Itunes, Spotify o Apple Podcast: ogni settimana parlo di un tema relativo al mondo della comunicazione digitale!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Aiuto Terzo Settore, imprese e professionisti a comunicare grazie ad un metodo che si basa sulla "reputazione digitale"

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInYouTube

Inventarsi un lavoro

Inventarsi un lavoro

Come e se inventarsi un lavoro è un domanda che implica in sè una responsabilità molto grande.
Ecco perchè non presumo di dare risposte, solamente condivido una riflessione e cerco di prendere spunto da pareri molto più autorevoli, arrivando ad alcune mie personalissime conclusioni.

Partirei da qui: assunzione o libera professione?

Questa forse fino ad una decina di anni fa era una scelta possibile.
Oggi lo è ancora?
I dati parlano chiaro.
No.

Il posto fisso?

Se per Marco Montemagno il posto fisso è morto e per Checco Zalone un’ossessione c’è bisogno di fare chiarezza per noi stessi e per le generazioni che sono in attesa di concludere i loro percorsi formativi.
Viviamo in una società molto diversa e in rapido mutamento, constatata questa ovvietà c’è bisogno di orientarsi molto bene e capire come è possibile attrarre lavoro.

Già perchè “attrarre” lavoro e non cercarlo?

Lo spiega molto bene Marco Montemagno in questo video.
Il Professor Piero Formica (professore di Economia della Conoscenza, Senior Research Fellow presso l’Innovation Value Institute dell’Università di Maynooth), intervistato da ProVerso dice:

“È tramontato il tempo del posto di lavoro fisso […] Oggi, quando parliamo di lavoro dovremmo parlare delle piattaforme digitali, dell’economia della condivisione […] le aziende in qualche modo si disintegrano, si trasformano. Tutto questo porta alla creazione di opportunità imprenditoriali piuttosto che alla richiesta di un posto di lavoro”.

Fatte queste premesse, quali possono essere i suggerimenti utili per dare un senso alla propria capacità attrattiva ed alla propria esistenza?

Già perchè anche se non siamo fatti per lavorare h24 di certo il lavoro è una parte nobile della nostra vita. Ci dà senso e riempie di contenuti il nostro modo di essere e di crescere.
A parte filosofeggiare sul lavoro per riempire di senso la tesi che a mio parere deve essere sempre il leit motiv di ciascuno di noi, credo che ci si debba dare dei precisi obiettivi.

Consigli

Se ne dovessi dare a mio figlio ecco cosa gli direi:

  1. Cura al massimo la tua formazione (impara una o più lingue, oltre a masticare bene la nostra lingua, l’italiano parlato e scritto) scolastica ed extra scolastica.
  2. Coltiva le tue passioni, non abbandonarle, ma crescile giorno dopo giorno e approfondiscile, cerca di diventarne “padrone” (senza manie di protagonismo ma fai il meglio che ti è possibile fare).
  3. Resisti al qualunquismo e poniti sempre delle domande, cerca i perchè delle cose e approfondisci. Non credere a tutto ma solo a ciò che ti fa battere il cuore e che capisci che sia giusto credere.
  4. Metti l’onestà e l’educazione al primo posto nei rapporti con le persone, vis a vis e online
  5. Usa consapevolmente la tecnologia, rendila parte utile della vita e non fine ultimo della tua esistenza

Ok, direte. Così si diventa bravi cittadini ma cosa può c’entrare tutto ciò con l’inventarsi un lavoro?

Credo che questi siano presupposti fondamentali.
Chi di noi risulta “attraente” quando non rispetta i cinque punti che ho indicato qui sopra?
Ed è facile essere “sgamati”.
Tramite i social è abbastanza semplice capire almeno in parte che persone siamo o che vita conduciamo, è proprio tramite questi dati (la famosa reputation) che siamo e saremo giudicati dagli altri, magari proprio da clienti o potenziali tali e da recruiter.

Sarà magari proprio scegliendo una nostra passione ed approfondendola così tanto da diventarne “padroni” che riusciremo a trovare una strada anche professionale.
Tutto molto bello, ma anche molto difficile, sia chiaro.
Non bastano solo buone intenzioni ma servono caparbietà, competenza, costanza e, soprattutto, tanta fatica.

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione, ora tocca a te (come a me) inventarci un lavoro.
In bocca al lupo!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Aiuto Terzo Settore, imprese e professionisti a comunicare grazie ad un metodo che si basa sulla "reputazione digitale"

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInYouTube