buzzoole code
Siamo troppo creduloni? Il fenomeno degli influencer

Siamo troppo creduloni? Il fenomeno degli influencer

Influencer: di chi stiamo parlando?

C’è una categoria all’interno del mondo del lavoro, che divide in maniera netta l’opinione pubblica.

I cosiddetti “influencer”.

Influencer: individui con un più o meno ampio seguito di pubblico che hanno la capacità di influenzare i comportamenti di acquisto dei consumatori in ragione del loro carisma e della loro autorevolezza rispetto a determinate tematiche o aree di interesse (Glossario Marketing)

Influencer marketing: guardiamo un po’ di dati

I dati forniti da Zine sugli influencer nel mondo, e pubblicati su eMarketer, riportano che quasi l’80% di essi utilizza Instagram per le azioni di influencer marketing.

Fonte: emarketer

Negli Stati uniti il social fotografico ormai di casa Zuckerberg è utilizzato dal 70% delle aziende.

Dal 2015 al 2017 è stato registrato un incremento di post pubblicati da influencer su Instagram, facendo incrementare ancora di più il numero di “mi piace”, in media 682 per post. (Fonte: emarketer)

Un’inchiesta di Bloglovin’ evidenzia come ben il 54% delle intervistate afferma di aver acquistato un prodotto grazie alla raccomandazione di un influencer; il 45%, inoltre, ha iniziato a seguire un brand proprio perché lo ha visto o scoperto grazie al post di un influencer. Ma se non c’è coerenza tra il personaggio e il prodotto o servizio menzionato, il messaggio rischia di risultare fastidioso e suona quasi come un tradimento (e il 59% delle intervistate afferma di essere in grado di accorgersene).

Secondo lo studio The State of the Influencer Marketing di Klear, nel 2017 sono stati pubblicati ufficialmente un milione e mezzo di post, due volte quelli dell’anno precedente. In un anno il business è cresciuto del 198% , e moda e beauty sono le industrie che vi investono di più (Fonte: Il Sole 24 Ore).

GQ Italia ha pubblicato la classifica dei 10 influencer più potenti del 2018, grazie ai dati di NewsWhip aggiornati a metà Marzo del 2018.

Perché accade tutto ciò

Chi lavora nel mondo della pubblicità da tempo potrà sicuramente dirci che tutti noi siamo più portati ad acquistare un prodotto (o un servizio) quando ce lo consiglia qualcuno che conosciamo. In fondo il passaparola è ancora il re incontrastato nel mondo del marketing, non vi pare?

È per questo che da tempo le aziende tendono ad associare i loro marchi ai volti familiari di V.i.p o cosiddette star televisive, musicali, sportive o del cinema.

Ed è probabilmente per questo motivo che oggi le stesse aziende spendono una parte sempre più consistente dei loro budget pubblicitari nel cosiddetto influencer marketing?

Io credo di sì.

Ma tutto questo funziona?

Sembra di sì visti i budget spesi e i dati raccolti.
Da qualche tempo questi personaggi influenti devono associare la loro promozione con un hashtag che identifichi che quello che stanno facendo è lavoro retribuito.
Tuttavia gli studi non parlano di crolli a causa di questa operazione che ha portato un po’ più di trasparenza.

Ragioniamo insieme.
I social network non sono altro che locali frequentati da persone comuni con passioni, interessi e gusti specifici.
I social profilano i loro iscritti per vendere spazi pubblicitari.
Non lo scopriamo adesso.
Quindi frequentando un social assiduamente saremo sollecitati da contenuti che siano presumibilmente in target con i nostri gusti ed interessi (misurati dalle strutture tecniche degli stessi social in tempo reale).

In fondo per passare tempo a fare qualche attività di nostro gradimento c’è bisogno di gratificazione (il compiacimento altrui), la curiosità un po’ morbosa di spiare gli altri e magari entrare in contatto (o pseudo-tale) con persone che reputiamo interessanti.

Con i social possiamo vedere e ascoltare cosa le persone dicono e fanno quotidianamente.

Un appassionato di sport vede il suo campione, chi ama la moda può seguire marchi o modelli/e e via andare…

Cosa accade se chi seguiamo ci propone dei prodotti? Beh saremo tentati di apprezzarne comunque il contenuto.

Mettereste più volentieri il like ad una nota marca di scarpe o all’adorato sportivo/a che le indossa?

Gli apprezzamenti ed i commenti cosa fanno?
Fanno propagare a dismisura i contenuti.

Ci troveremo tutti ad essere inconsapevoli pubblicitari o (meglio) portatori di interesse di quel marchio.
Saremo noi stessi a fare pubblicità, oltre che essere potenziali acquirenti.

Apprezziamo e crediamo di più ai contenuti che ci vengono proposti da persone per noi interessanti.

La logica influencer è questa.

Si basa su meccanismi a cui aderiamo essendo frequentatori dei social.

I più puri e sostenitori della loro libertà intellettuale diranno che i creduloni sono tutti quei “pecoroni” che seguono la Ferragni o Mariano Di Vaio e si sentiranno esenti da tutto ciò, quasi come se fossero vaccinati.

Eppure ai meccanismi su cui si basa l’influencer marketing siamo tutti soggetti, più o meno consapevolmente.

Magari non lo crediamo, ma in qualche campo anche noi abbiamo influenza.
D’altronde il principio delle bufale che circolano in rete non si basa proprio su questo concetto? Pensateci.

Ma siamo tutti così fessi? E funziona sempre e per tutti i casi?

Attenzione, non generalizziamo.

Il meccanismo, o meglio la strategia dell’influencer marketing funziona, ma va data molta attenzione alla coerenza con cui essa viene applicata.
Se Chiara Ferragni promuovesse un pneumatico antineve sarebbe credibile?
Inoltre, tornando al social Instagram, dove il tutto sembra avere successo, bisogna fare attenzione ai bot e ai fake da cui siamo attorniati.
E’ poi possibile scovare anche tanti spacciatori di influenza ma che in realtà ci possono vendere solamente tanto fumo…

Quindi, facciamo sempre attenzione. rendiamoci consapevoli di quel che accade e agiamo di conseguenza sia nelle nostre strategie di business sia quando siamo semplici utenti finali.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

Social Warning

Social Warning

Nasce il Movimento Etico Digitale anche a Bologna

“We have a dream”: due ore a settimana in tutte le scuole per parlare di Educazione Civico Digitale.
Con questo incipit la scorsa settimana ci siamo presentati.
Ma chi siamo e cosa vogliamo fare ed anche NON fare?
Siamo un team composto da una trentina di giovani professionisti e appassionati della tastiera di tutta Italia,  che grazie ad un ideatore giovane e competente (Davide Dal Maso)  si è unito attorno a un obiettivo: quello di diffondere consapevolezza tra giovani e adulti, studenti e insegnanti, figli e genitori, del valore e della necessità di un’educazione civica digitale.

Reale e digitale

Pensare che la vita reale sia il social e pensare che il social sia cosa diversa dalla vita reale.
Ecco uno dei primi nodi da comprendere e far comprendere.
Il nostro atteggiamento sui social non può e non deve essere diverso da quello che abbiamo nella nostra vita solo perchè è mediato da una tastiera.
Le ripercussioni di ciò che diciamo o che facciamo online si riverberano sulla vita di tutti i giorni. Ma è anche vero che corriamo il rischio di costruirci opinioni a seconda di come la nostra newsfeed di un social viene composta minuto dopo minuto.

Orientare per comprendere

L’approccio dei colleghi del Movimento, che ho sposato e che condivido, è quello di non demonizzare. Non si vuole fare terrorismo, incutere terrore.
E’ piuttosto necessario fare educazione. Comprendere.
La consapevolezza di ciascuno di noi è la parola chiave.

La scuola

La scuola è l’agenzia educativa alla portata dei ragazzi e che i ragazzi vivono comunitariamente tanti giorni all’anno e per tante ore.
Ecco perchè vorremmo che fosse la scuola il nostro punto di partenza.
Per parlare con i ragazzi, con gli insegnanti, gli educatori e le famiglie.
E’ necessario costruire insieme, capire insieme, conoscere insieme, condividere insieme.
Per questo l’obiettivo ambizioso è quello di creare momenti curricolari di educazione digitale e non solo legati a sensibilità di alcuni dirigenti o insegnanti.

Conoscere

La conoscenza è alla base. La non conoscenza produce molto spesso il pregiudizio, la paura.
La responsabilità è in capo al mondo adulto, che sta consegnando tutto ciò alle generazioni successive e se manca in seno al mondo dei “grandi” una conoscenza di quelle che sono potenzialità del web e come evitare i rischi, come possiamo pretendere che i nostri figli imparino visto che hanno in mano un potenziale enorme senza un libretto di istruzioni?

Ecco, questa è la vision mia e di tanti professionisti che si sono uniti e messi a disposizione per creare cultura digitale diffusa.

 

Se sei interessato/a al progetto contattami

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

L’ha detto Internet

L’ha detto Internet

“C’è l’eclissi di luna stasera, l’ha detto Internet”.

Ecco cosa mi è capitato di sentire l’altra sera durante una passeggiata serale (in bicicletta) passando vicino ad una panchina dove alcune signore chiacchieravano amabilmente.

Le signore avevano perfettamente ragione: l’eclissi lunare era prevista effettivamente per quella sera, solo che rispetto alla fonte hanno fatto un po’ confusione.

Come la facciamo tutti.

Pertanto vorrei fare chiarezza.
Perchè tanti di noi sono soliti citare Internet, Google come sorgenti a cui attingere come se fossero effettivamente fonti dirette di informazioni.

Oppure lo si chiama generalmente web e forse si fa la cosa migliore.

Vediamo il perchè.

Internet è in realtà l’infrastruttura dove viaggiano i dati.

Il web (o meglio il Wordl Wide Web) è uno dei servizi di internet (banalmente la navigazione tramite browser che siamo abituati a fare).

Entrambi hanno una storia diversa, anche solo temporale.

Vi rimando ad un articolo scritto molto bene e che ho trovato su Wired a firma di Arturo Di Corinto e che narra la nascita del sopracitato Internet.

Facciamoci guidare dal buon Marco Camisani Calzolari che ci spiega in modo molto chiaro dove sta la confusione tra Internet e il web

Nel rapporto Assinform 2017 si evince chiaramente l’aumento della digitalizzazione della popolazione italiana, così come quella mondiale.

Tuttavia rimane il problema che è alla base della questione: ci danno in mano la tecnologia senza alcun libretto di istruzioni.

Avere consapevolezza di ciò che manipoliamo centinaia di volte al giorno sarebbe un grandissimo passo in avanti e risolverebbe non tanto il problema delle succitate signore, ma quello di una popolazione di nativi digital, Millennials e agee che tante volte incontra problemi ben più seri di una errata citazione di fonte.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

Il futuro è la formazione

Il futuro è la formazione

Mi capita troppo spesso di sentire luoghi comuni presi come opinione di riferimento e costruzione del proprio pensiero.

Ed è un meccanismo davvero semplice in cui ricadere.

“Lo dicono tutti” non dimostra affatto che ciò che dicono sia credibile o significativo. Né ci può dare certezza che un’affermazione venga da una “fonte autorevole” o da una “persona esperta”. Spesso i cosiddetti “esperti” non sanno di che cosa stanno parlando. E ci possono essere affermazioni sballate anche nei testi considerati più “seri” (spesso perché qualcuno ha copiato da qualcun altro senza verificare se l’autore fosse credibile su quell’argomento). Fonte: Giancarlo Livraghi – Gandalf.it

Eli Pariser descrive il fenomeno dei “filtri bolla”: un’isola di sole notizie gradevoli, o comunque attinenti ai nostri interessi e conformi alle nostre convinzioni, che lascia sempre meno spazio a punti di vista diversi e a incontri inaspettati, restringendo il libero scambio delle idee, facendoci credere che la realtà sia altra.

Non so se la superficialità sia una logica conseguenza di questo o di altri fenomeni, so solo che parlare senza cognizione di causa è un vizio molto comune.

Quando “ignoro” la questione sono solito tacere.

Forse per questo mi provoca fastidio, sui temi in cui credo di avere competenza, sentire apocalittiche versioni distorte delle realtà

Ma (ancora peggio) malcelo profondo sconcerto nell’essere costretto talvolta sul lavoro a dare spazio (o assecondare) opinioni alquanto superficiali e frutto di mera arroganza.

C’è una soluzione a tutto questo?

Per me sì ed è la FORMAZIONE.
Prendiamo ad esempio il mondo del digital.

Basta prendere coscienza di alcuni meccanismi e formarsi un minimo per smetterla di gridare “al lupo al lupo” come quel “giovane pastore burlone” che Esopo ci ha raccontato nella sua favola.
E acquisire la giusta consapevolezza, che approfondita potrebbe anche diventare competenza.

Formasi rischia di essere davvero la ricetta per i mali del nostro tempo.

Trovare il tempo e la motivazione per accrescere le proprie conoscenze risulta determinante per valutare correttamente l’evoluzione dei processi di cambiamento.

La formazione è alla base dello sviluppo della persona e della società, e questo non vale solo per le giovani generazioni.

Ciascuno di noi è chiamato a farlo nel suo campo.
Trovo sia la soluzione per affrontare i cambiamenti che l’evoluzione tecnologica, ad esempio, ci mette di fronte.
Nel lavoro ad esempio.
C’è bisogno di formare i nuovi ed i vecchi dirigenti, la necessità è impellente altrimenti davvero gli apocalittici avranno ragione nel pensare che uno tsunami ci travolgerà perchè ci troverà impreparati.

Ma ricordiamoci che lo tsunami è già in atto e se non ce ne accorgiamo vuol dire che ci stiamo preparando ad essere sconfitti.

Date un luogo comune a un fanatico e ne farà un dogma.
(Roberto Gervaso)

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus

Il web sommerso

Il web sommerso

Deepweb, darknet, ma di cosa si tratta?

Avete mai sentito parlare di siti “nascosti” ossia che non si trovano facendo delle normali ricerche in Google e che possono essere visitati solo sfruttando reti di che rendono il più possibile “anonima” la navigazione?
Si tratta del deep web e delle darknet, si tratta (attenzione!) del 96% della rete Internet.
Google non può indicizzare tutto ciò che è protetto da password, la posta elettronica, molti dei social….così nella rete più profonda si possono trovare rapporti scientifici, cartelle cliniche, estratti conto, banche dati, documenti legali ma anche materiale illegale e potenzialmente pericoloso.

Come si accede?

Con pochi clic si riesce a navigare questi mondi. Tramite browser che rendono complessa la tracciabilità, come ad esempio Tor.

Ma cosa succede entrando in questi meandri?

E’ possibile approcciare subculture discutibili e accedere a materiale di varia natura.
Sono spesso substrati in cui non vi sono particolari remore valoriali, inibizioni, talvolta in essi si riscrive il linguaggio, “diluendo” la parte inaccettabile con una terminologia edulcorata, convincendosi che tutto in fine dei conti sia lecito o comunque possibile.
Proviamo a pensare ad un ragazzo ancora in crescita che approccia a contenuti razzisti, a subculture che incitano all’anoressia, alla prostituzione via etere, all’autolesionismo, al suicidio.

Da Facebook alle chat

Gli adolescenti oggi sono iscritti a Facebook ma non lo utilizzano fino in fondo, il loro interesse si è spostato su Instagram, Snapchat, WeChat, Tango o Hike.

Il perchè è facile da intuire.

Su Facebook ci sono i propri genitori che oltretutto sono attivissimi e sempre connessi, pronti a farsi i fatti altrui e figuriamoci se non quelli dei propri pargoli.

All’adolescente medio non conviene spingersi oltre su Facebook.

Magari utilizzando Messenger, ma non propriamente bombardando di contenuti la propria timeline.

Emulazione, this is the problem

La dottoressa Rosalba Trabalzini (psichiatra) su guidagenitori.it spiega molto bene la necessità di emulazione che vive l’adolescente medio.
Se guardiamo in quest’ottica i fatti di cronaca, probabilmente riusciamo a capire come i condizionamenti dell’uso malsano del web (magari nascosto) possono indurrei ragazzi a commettere sciocchezze, o peggio, reati o efferatezze.
Ma è un problema anche per gli adulti. Pensiamo a quanti in età ormai anche avanzata hanno preso spunto da atti criminali e li hanno riproposti.
Ma a maggior ragione è necessario capire e in qualche modo proteggere chi ancora sta maturando il suo io e rischia di avere debolezze per cui può essere condizionato facilmente da mondi oscuri.
La soluzione non è la censura o il divieto, ma il tutto parte dalla consapevolezza di cui abbiamo parlato anche nei post precedenti, oltre che da un monitoraggio di ciò che accade ai nostri figli o delle loro reazioni agli eventi.

Privacy

Tutti la reclamiamo. Non ci piace essere spiati o rintracciati.
Eppure sbandieriamo a chiunque i nostri gusti, la nostra posizione, i nostri acquisti, le nostre disavventure…
Poi, quando l’anonimicità diventa un rischio (vedi chi si approccia al web per commettere reati) avremmo la pretesa che le autorità facessero il loro mestiere quasi in tempo reale.
Insomma, abbiamo tutti le idee un po’ confuse su questo tema.
E portiamo avanti il vizio un po’ italico e qualunquista che le regole debbano sempre valere più per gli altri che per noi stessi.
Chi scrive non è un fautore della censura, tuttavia ritengo che il controllo del rispetto delle norme universali della Dichiarazione dei Diritti dell’uomo andrebbero tutelati, ma anche questo è sicuramente un altro tema e in conclusione vi propongo il pensiero di Rudy Bandiera.

 

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle Plus