buzzoole code
Il termometro del tuo pubblico

Il termometro del tuo pubblico

Hai letto bene.
Il nostro pubblico online (ampio o meno che sia) può essere classificato a seconda della temperatura con cui siamo in grado di scaldarlo o meno.
E a seconda di essa abbiamo bisogno di utilizzare strategie differenti.

Ma andiamo con ordine.
Cercherò di fornirti una serie di passaggi chiave (concreti) con cui puoi districarti d’ora in poi nella tua comunicazione, evitando certe frustrazioni dovute ai pochi riscontri e al telefono che non squilla.

– Innanzitutto ti devi posizionare

Ne parlerò in un altro post perchè solo per questo non basterebbe un “foglio protocollo” per spiegarti di cosa sto parlando.
Ma una cosa falla subito perchè altrimenti sarà inutile procedere.
Chiediti chi è il tuo cliente ideale. Chi è la persona che sarà in grado di ascoltarti, capirti ed essere potenzialmente interessata a quel che fai o offri in termini di prodotto o servizio.
Non andare avanti, non servirebbe.
Non “barare”, ti vedo.
Non puoi rispondere in modo generico, altrimenti non otterrai ciò che vuoi o ciò per cui fatichi tanto. Se fai servizi a trecentosessanta gradi e il tuo prodotto/servizio va bene per tutti allora non proseguire nemmeno, te lo consiglio.

– A freddo non si vende neanche se è gratis

Se sai chi è il tuo cliente ideale hai la fortuna che grazie agli strumenti del digital marketing puoi raggiungerlo/a in modo meno complicato.
Se sai chi è il tuo cliente tipo allora saprai cosa gli interessa, quali sono i suoi interessi e le sue problematiche.
Bene, benissimo.
Adesso inizia a programmare CONTENUTI utili, interessanti, che rispondano ai problemi del tuo cliente ideale. Non ti azzardare a vendere, non parlare ancora del tuo fighissimo prodotto/servizio, non servirebbe, anzi forse faresti scappare la persona che faticosamente hai catturato.

– Riscalda l’ambiente

Oh bene. Ci sei quasi…
Hai catturato l’attenzione di un po’ di persone in target (clienti tipo) grazie ai tuoi contenuti di valore? Hai donato la tua competenza, la tua professionalità? Hai fatto capire che in quella “nicchia” tu sei davvero bravo/a perchè conosci l’argomento e sai quali sono i problemi tipici?
Avrai quindi un gruppo di persone con cui puoi iniziare un “dialogo”.
Hai un pubblico che ti apprezza, ti “conosce” e adesso iniziare a proporgli qualcosa è meno problematico.
Se sei stato/a bravo/a fino ad adesso e hai acquisito autorevolezza e fiducia allora puoi iniziare a non bombardare di promozioni, ma crearne ad hoc, partendo con una strategia che ti dovrai costruire.

– Vendere ghiaccio agli eschimesi no, ma ora non è una mission impossible

Hai il tuo pubblico caldo, ok. Hai una strategia e prodotti/servizi adeguati, bene.
Usa le tecniche che il digital marketing ti mette a disposizione e targetizza ancora il tuo pubblico, non ti dimenticare però di continuare ancora a produrre valore e contenuti per alimentare il processo cercando di raggiungere altre persone in target “fredde” da incanalare nella tua comunicazione.

Beh non sono sceso nei dettagli, perchè dipendono da chi sei, cosa fai, cosa vendi, quali strumenti presidierai … non ci sono formule precostituite. Ma questi passaggi valgono praticamente per tutti noi comuni mortali.

Ricordati quindi “il termometro” quando ti verrà la tentazione di sparare nel mucchio.

La chiave per un marketing di successo: focus, posizionamento e differenziazione (Philip Kotler)

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Come è cambiata la comunicazione pubblicitaria

Come è cambiata la comunicazione pubblicitaria

La comunicazione pubblicitaria: un nuovo Carosello

Vi ricordate come era la comunicazione pubblicitaria degli anni Settanta?

Si raccontavano delle storie, si cercava di intrattenere le persone.
Era un vero spettacolo.

Certo, sappiamo bene che l’offerta televisiva era limitata, esisteva il monopolio e i tempi non sono paragonabili eppure il concetto di comunicazione pubblicitaria forse non è mai così cambiato.
Si è evoluto (o involuto a seconda dei gusti o prospettive).

Le emittenti private hanno poi sancito il boom degli Anni Ottanta quando gli investimenti pubblicitari lievitavano e il concetto di comunicazione pubblicitaria ha iniziato ad assumere connotati “invasivi”.

Lo spot, cioè, interrompe qualcosa che stiamo guardando e si rivolge a target misti a seconda degli orari o dei programmi che vanno ad interrompere.

Di quegli anni ci ricordiamo di spot che ci sono rimasti impressi per la frequenza ma anche perchè in qualche modo ci hanno regalato emozioni (positive o negative che fossero).

Le opportunità del XXI secolo e l’avvento di Internet hanno in parte spostato la pubblicità su altri canali, tuttavia con un concetto sempre simile.di interruzione o proposizione forzata durante la navigazione, la visione di un video o la lettura di un contenuto.

La comunicazione pubblicitaria efficace oggi parte da un altro approccio.

“Il marketing del passato si realizzava in una reclame, uno spot che passava in radio, tv e carta stampata. Il digitale offre la possibilità di sapere cosa il cliente desidera e cosa il nostro marchio può offrire” (Philip Kotler)

 

“Per fare breccia nei confronti della maggioranza occorre puntare a raggiungere non il vasto mercato, bensì una nicchia.” (Seth Godin)

Il concetto di individuare e colpire il nostro target (nicchia) è un punto di partenza nodale per comprendere il perchè ad esempio gli spot pubblicitari del secolo scorso oggi funzionino molto meno.
Se pensiamo di aggredire quel mercato probabilmente otterremo poco perché è saturo e non propenso ad accogliere qualcosa di nuovo ed è impossibile piacere/interessare tutti.

Per colpire chi sarà interessato al nuovo dobbiamo parlare a quel tipo di consumatore, ci spiega Seth Godin nel best-seller “La mucca viola“.

La comunicazione pubblicitaria che sappia essere efficace quindi oggi si muove utilizzando strategie di “inbound marketing”, cercando di far sì che sia il prodotto/servizio a farsi trovare e non che sia quest’ultimo ad essere proposto in modo ossessivo ad una platea per di più disinteressata.

Ecco perché i social network possono aiutarci: il web marketing è un’ottima soluzione.

Perché tramite la tecnologia potremmo segmentare il pubblico, trovare il nostro target di “innovatori” rendendoci interessanti ai loro occhi in modi diversi.

Rendendoci utili, autorevoli, unici.
A quel punto vedremo i primi risultati.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Come colpire il tuo target

Come colpire il tuo target

Definizione di target

Il target, letteralmente significa bersaglio, è l’obiettivo che ci si ripromette di raggiungere con un prodotto, con una comunicazione o con uno o più mezzi di comunicazione. Il termine target group è usato per indicare un gruppo di consumatori (segmenti) accomunati da caratteristiche simili (età, reddito, stili di vita, bisogni, ecc.) al quale l’impresa si rivolge con una strategia di marketing e un marketing mix specifici. (Glossario Marketing)

Perché si parla di target

Colpire nel mucchio è uno spreco di soldi ed energie.
Se ad esempio vendi un software per commercialisti perché mostri la tua pubblicità alle casalinghe o ai giornalisti?
Il target è un elemento indispensabile della tua strategia di comunicazione.
Perchè è il gruppo di persone che è potenzialmente interessato a te o al tuo prodotto/servizio. Parlando a loro hai sicuramente maggiori possibilità di colpire il bersaglio.
Non ti pare?

Ma come si fa ad identificare il target?

Ecco che arriva la parte probabilmente più complessa per tutti noi.
La tentazione è quella di rivolgerci “a tutti” per non perdere occasioni e perchè magari ci lanciamo solo adesso sul mercato.
Ma così facendo commetteremo l’errore di parlare agli idraulici piuttosto che ai commercialisti o che il nostro messaggio (faticosamente costruito) si perda perchè troppo annacquato nel mare di altri messaggi poco rilevanti.

Ecco alcuni consigli:

– se non l’hai ancora fatto leggi “La mucca viola” di Seth Godin

– se hai già dei clienti cerca di individuare le caratteristiche che hanno in comune ed eventualmente intervistali

-se parti da zero chiediti quali problemi risolve il tuo prodotto/servizio e a chi in particolare: immagina queste persone, dagli un nome, un volto, un’età, una professione, pensa a cosa legge, cosa guarda in tv o al cinema, se è accompagnato/a o single, che tipo di studi potrebbe aver fatto e ad esempio che capacità di acquisto potrebbe avere. In questo articolo Pennamontata ti può essere molto d’aiuto. Riccardo Esposito sul blog di Studio Samo pure.

Come colpire il tuo target?

E’ arrivato il momento di capire la strategia e metterla in pratica.
Hai individuato il tuo target? Quella “buyer persona” giusta per te?
Bene adesso cerca di costruire un percorso: si tratta del percorso che queste persona farà prima di acquistare.
Dove riusciamo a intercettarla? Su che social?
A quel punto possiamo iniziare a studiare la parte operativa del nostro piano di comunicazione.

Buon lavoro!

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Come indicizzare un sito su Google

Come indicizzare un sito su Google

Come indicizzare un sito: la sitemap

Non trovi il tuo sito cercando su Google?

Ecco alcune semplici istruzioni per capire come indicizzare un sito.

Già, perchè non basta mettere pagine web online o utilizzare strategie SEO sulle pagine per far sì che Google ci prenda in considerazione.

Se avete appena creato un sito o lo ha fatto qualcuno per voi, assicuratevi che siano state eseguite le seguenti azioni.

Ogni sito contiene una pagina Web che descrive gerarchicamente tutte le pagine di un sito web. Si chiama sitemap.

Google descrive come crearla utilizzando anche servizi terzi.

Come indicizzare un sito: la Google Search Console

Creata la sitemap è necessario copiarsi l’indirizzo in cui essa è pubblicata (es.www.tuosito.com/sitemap.xml) e andare su un tool potentissimo che Google ci mette a disposizione gratuitamente.

La Google Search Console è uno strumento a cui “dare in pasto” la nostra sitemap, dopo che abbiamo fatto verificare al sistema la proprietà del sito che vogliamo indicizzare tramite le istruzioni che vengono dettagliate in modo molto chiaro.

Google Search Console consente di monitorare e gestire la presenza del tuo sito nei risultati della Ricerca Google (Fonte: support.google.com)

Una volta attivato il meccanismo lo strumento troverà errori e suggerirà come correggerli, andando ad indagare dentro tutto il sito per favorire l’indicizzazione da parte di Google stesso.

Come indicizzare un sito: il link

Utilizzare la Search Console non è l’unico sistema, ma è quello che io utilizzo e che suggerisco.

Altrimenti per dare un segnale di vita a Google è possibile connettersi ad una pagina specifica.

A questo punto il motore di ricerca più utilizzato al mondo inizierà a considerare i nostri contenuti e valutarli a seconda del suo algoritmo.

E a questo punto, la palla passerà a noi.

Nelle nostre mani la possibilità di posizionare bene o male il nostro sito.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Ottimizzazione testi per i motori di ricerca: alcuni elementi utili

Ottimizzazione testi per i motori di ricerca: alcuni elementi utili

Ottimizzazione testi? Si grazie

La SEO è morta. Viva la SEO“.
Ci sono teorie, studi e parecchie versioni.
Sta di fatto che a mio parere parlare di SEO oggi ha ancora molto senso.
Voglio anche spiegare il perchè ed abbozzare qualche consiglio per l’ottimizzazione testi.

Se si vuole intercettare una domanda che il consumatore tipo (noi) esprime attraverso una “query” sui motori di ricerca, allora ha senso metterci nelle condizioni di farci trovare.

Mi perdoneranno esperti e tecnici del settore, non vorrei banalizzare le cose, ma aiutare solamente chi volesse iniziare un percorso e provare a scrivere un articolo che si avvicini ad essere ottimizzato dai motori di ricerca.
Diciamo un articolo di un blog, ad esempio, che sia il più possibile “friendly” per Google.

Ecco cosa fare.

Una volta scelta la parola chiave su cui posizionare il post (percorso che richiede una ricerca ed una specifica analisi, che cercherò di raccontare prossimamente), è bene considerare ALMENO questi aspetti.

TITOLO

Scegliere un titolo attinente e che possibilmente inizi con la keyword prescelta e che sia in H1

URL

Personalizzare l’url con la keyword ben presente

DESCRIPTION

La description sono quelle righe di testo che il motore di ricerca legge e che può avere senso che contengano la parola chiave.

(Fonte: norlandigital.com)

BODY (CORPO DEL TESTO)

Nel testo del post è bene ripetere la parola chiave, senza esagerare. Si dice almeno 4 o 5 volte, ma in modo coerente e garantendo qualità del testo, facilità di lettura e senso compiuto dei periodi.
E’ bene facilitare al lettore la visualizzazione e la lettura stessa, quindi usiamo paragrafi brevi, inseriamo immagini, formattiamo il testo utilizzando sottotitoli (in H2 magari con la keyword), corsivi, citazioni, grassetti…
E’ inutile “giustificare il testo” perchè Google non ne conosce il significato.

IMMAGINI

Le immagini dovranno essere libere da copyright, di buona qualità, ma la loro “pesantezza” dovrà essere ottimizzata. La lentezza di caricamento è un elemento fortemente penalizzante.
Almeno una immagine dovrà avere il titolo corrispondente alla keyword e l’alt tag descrittivo con la parola chiave.

VIDEO

I video, se attinenti, sono molto apprezzati e aiutano il lettore e quindi anche il motore di ricerca li predilige. Si possono incorporare anche video non propri, ma che ad esempio approfondiscano un tema o confutino una tesi.

LINK INTERNI E IN USCITA

Elementi molto importanti sono i link che rimandano magari ad argomenti del nostro blog già affrontati e approfondimenti a siti terzi (autorevoli e attinenti mi raccomando).

La lunghezza del testo è un parametro che viene valutato, si dice di pubblicare non meno di 300 parole… ma tutto è relativo. Il consiglio è quello di non fare testi troppo corti e ricordiamoci di scrivere per il lettore e non per Google.

Non dimentichiamoci che Google valuta la qualità dei nostri componimenti, pertanto curiamo il nostro lavoro e assicuriamoci di aver rispettato il nostro potenziale lettore con un argomento di valore.

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest

Reputazione online: come mantenere un buon livello

Reputazione online: come mantenere un buon livello

Reputazione online: di cosa stiamo parlando?

La reputazione online oggi è un parametro decisamente importante, da non sottovalutare.
Anzi sempre più recruiter, potenziali clienti/fornitori, manager nel campo delle risorse umane e non solo misurano e valutano la nostra reputazione digitale.

Hai mai provato a cercare su Google il tuo nome, quello della tua azienda o quello del tuo prodotto? Ciò che otterrai analizzando i risultati della ricerca e mettendo insieme le informazioni, sono la tua reputazione online, a cui poi andranno aggiunti chiaramente gli studi sui profili social e le conversazioni in cui siamo coinvolti.

Come gestire la reputazione online al meglio e mantenere un buon livello?

reputazione

“Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla. Se pensi a questo, farai le cose in modo diverso.” (Warren Buffet)

Ecco alcuni consigli utili per mantenere un buon comportamento “sociale” ed essere considerati bene sul web.

  • Usa un linguaggio chiaro, attenzione all’ironia.
  • Sii credibile pubblicando notizie attendibili (attenzione alle bufale e fake news)
  • Non sottolineare gli errori di scrittura altrui
  • Pensaci prima di caricare una tua foto se in un futuro potrebbe imbarazzarti vederla
  • Chiedi il consenso prima di pubblicare foto che ritraggono altre persone
  • Evita l’invio di messaggi a X persone contemporaneamente promuovendo un qualcosa che interessa probabilmente solo a te
  • Ricorda che essere educati “richiama” l’educazione
  • Non invitare nessuno al giochino che tanto appassiona. Non tutti amano giocare.
  • Non aggiungere nessuno a un nuovo gruppo senza prima chiedere il permesso. Ed è comunque sempre meglio limitarsi al semplice invito.
  • Se richiedi l’amicizia/contato a qualcuno che non hai mai incontrato di persona, invia un messaggio spiegando perché vuoi essere suo amico/a.
  • E’ buona educazione apprezzare con un like i saluti o i commenti gentili che ti riguardano.
    Non è valutato positivamente iscriversi ad un social senza interagire con la comunità. Non facciamo i guardoni, ma rispettiamo le regole del “gioco”
  • Non facciamo i leoni da tastiera pensando erroneamente che essendo su un social si possa dire quello che passa per la testa. Non scrivere mai cose che non diresti anche di persona….e se sono cose volgari o offensive…lascia perdere!
  • Condividi i contenuti che ti appassionano, senza tediare

Ricordati che se le opinioni sociali non vengono confermate da atteggiamenti “in real life” coerenti, tutti gli sforzi digitali saranno vani.

Come si misura la reputazione online?

Ecco alcuni strumenti.

Google Alert
Google Alert consente di avere notifiche automatiche non appena vengono rilevati nuovi contenuti sulle parole chiave specificate, recuperando dati da pagine web, blog, ricerche o articoli all’interno della rete di Google.
E’ possibile Configurare Google Alert per ricevere automaticamente queste notifiche e capire cosa si dice di noi.

SocialMention
Motore di ricerca capace di analizzare la sfera social ricercando menzioni, conversazioni, commenti che si riferiscono al proprio marchio ma anche ai competitor.

Reputology
Reputology offre un servizio (a pagamento) di monitoraggio della reputazione online del brand ad esempio inviando prontamente un alert via email per i commenti negativi….

TalkWalker
Strumento professionale di monitoraggio della reputazione online (anche questo a pagamento)

“Un buon nome, come la buona volontà, si ottiene con molte azioni e si perde con una.”
Lord Francis Jeffrey

Francesco Costanzini

Mi chiamo Francesco, classe 1978, papà di 3 bambini. Scrivere è un'esigenza. Una passione ed oggi una professione. Amo la mia famiglia, il digitale, il calcio, il nuoto e la buona tavola. Offro le mie competenze digitali ad aziende, liberi professionisti, associazioni, enti per la propria comunicazione.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebookLinkedInPinterest